Home / Esperto / Sfide interculturali del trasferimento per lavoro (1° parte)

Sfide interculturali del trasferimento per lavoro (1° parte)

Inviato il CV, ricevuta la convocazione e superato con successo il colloquio di lavoro, si è ottenuta l’assunzione. Ora si tratta di cominciare.

L’inizio di un lavoro all’estero è anche accompagnato da una certa insicurezza, del tutto ovvia. Il neoassunto può porsi molte domande, più o meno pratiche e più o meno cruciali. Quali vestiti dovrei indossare per il mio primo giorno? Quali sono i più appropriati? Devo organizzare qualcosa per il mio benvenuto? Come devo comportarmi con i miei nuovi colleghi? Mi capiranno? Dovrò dar loro del tu o del lei?

Ecco alcune risposte per iniziare la nuova avventura professionale in Germania.

 

Prendersi cura dei piccoli dettagli

Tutto può andare molto veloce. Quando si arriva al parcheggio, si parcheggia senza saperlo nel luogo solitamente riservato al direttore generale. Poi alla prima riunione a cui partecipi, ti siedi dove dovrebbe stare il capo dipartimento. Ecco rovinata la prima impressione a causa di alcuni piccoli dettagli insignificanti ma pericolosi.

All’inizio occorre prestare attenzione a questi piccoli dettagli e tenere gli occhi e le orecchie ben aperti.
Capirai rapidamente gli usi e costumi dell’azienda e ti mescolerai più facilmente con i colleghi senza essere notato negativamente.
Fin dal primo giorno occorre essere puntuali. Se si ritarda per un evento imprevisto (l’auto in panne, il treno in ritardo, ecc.), è meglio fornire una spiegazione semplice e molto realistica. Lunghe giustificazioni possono sembrare inaffidabili e sarebbero fuori luogo.

 

Chiedere qual è l’abbigliamento appropriato

Nella maggior parte delle aziende nessuno è vestito con abiti logori, stracci o persino un completo degli anni ’70 male assortito, o addirittura con una tuta da podista. Tuttavia, al contrario, si dovrebbe evitare di apparire “troppo vestiti” per il primo giorno di lavoro, con il rischio di non apparire completamente integrati nell’azienda.

Per evitare il rischio di un passo falso proprio il primo giorno, soprattutto ora, quando la Germania sta iniziando a essere un paese creatore di moda, è consigliabile semplicemente porre la domanda durante il colloquio: “C’è un codice di abbigliamento accurato in questa azienda?”. A seconda del ramo e del compito, le regole possono essere tanto rigide quanto elastiche. Solo una domanda posta durante il colloquio ti farà sapere che cosa è adatto per il tuo nuovo lavoro.

Altrimenti opta per un capo semplice ma pulito, senza stravaganze. Dopo alcuni giorni avrai avuto il tempo di osservare con maggiore precisione gli usi “locali” e sarai in grado di scegliere di conseguenza.

 

Studiare come funziona l’azienda

Chiunque suggerisca miglioramenti fin dal primo giorno di lavoro, può rapidamente essere emarginato dai nuovi leader e colleghi. Ogni azienda ha il suo modo di fare le cose, il suo modo di prendere decisioni e, soprattutto, è una struttura complessa che un nuovo dipendente deve conoscere un po’ alla volta. Probabilmente ci vorrà un mese o più per comprendere appieno il funzionamento generale della società.

Dobbiamo evitare frasi come “Nei miei vecchi impieghi, l’abbiamo fatto così”, “Sarebbe stato meglio farlo cosà”, “Ho imparato a farlo in modo diverso”. Mantieni la mente critica, dimostra che sei impegnato nel successo aziendale e vuoi migliorare le cose. È una cosa eccellente. Tuttavia evita di farlo dal primo giorno, senza conoscere a fondo lo scopo di queste operazioni. Sarebbe un modo piuttosto inappropriato per un nuovo dipendente, a maggior ragione se viene dall’estero.

(1 – Continua)