Home / Professioni in Germania / Numeri da record per il mercato del lavoro tedesco

Numeri da record per il mercato del lavoro tedesco

Mai, dalla riunificazione ad oggi, vi era stato un numero di disoccupati così basso come quello registrato a novembre. Gli occupati sono notevolmente aumentati nell’arco di un anno e gli uffici del lavoro parlano di 600 000 nuove offerte di lavoro. Questi numeri sono veramente notevoli – tanto piu vista la situazione attuale“, è stato il commento del Ministro Federale del Lavoro Andrea Nahles sui dati attuali del mercato del lavoro in Germania.

Il numero degli occupati nel mese di ottobre ha raggiunto quota 43,5 milioni. Rispetto all’ottobre 2014 si è avuto un plus di 385 000 unità. Già a settembre si era parlato del più alto livello occupazionale avuto da dopo la riunificazione della Germania ma ora risulta che anche quel dato è stato ulteriormente superato.

Sempre più lavoratori che assolvono gli obblighi contributivi

31,5 milioni di lavoratori a settembre hanno assolto gli obblighi contributivi, come rivelato dall’Agenzia Federale per il Lavoro (BA). Rispetto ai dati dell’anno precedente si tratta di 688 000 unità in più (+2,2%). L’incremento si è registrato soprattutto nel settore dell’assistenza e del sociale, del commercio e nell’indotto del terziario.

La congiuntura favorevole non è l’unico fattore ad aver contribuito ad una tale crescita occupazionale bensì determinante è stato anche il fatto che il mercato del lavoro è in fermento e l’immigrazione è diventata sempre più importante.

Anche l’occupazione a tempo determinato ha avuto un notevole calo scendendo a 4,82 milioni di lavoratori, ossia 194 000 in meno rispetto a quelli che anche nel 2014 avevano avuto esclusivamente condizioni lavorative limitate nel tempo. E questo grazie all’introduzione per legge del salario minimo.

La domanda di forza lavoro in continua crescita

A novembre l’Agenzia Federale per il Lavoro ha registrato 610 000 posizioni aperte – 96 000 in più rispetto a un anno fa e 11 000 in più rispetto al mese precedente. L’indice per le domande di lavoro, sempre a novembre, è cresciuto di 4 punti sino a 206.

Per il periodo natalizio il mercato del lavoro cerca collaboratori soprattutto nei trasporti, nella logistica e nella vendita. Continuano ad essere molto richieste figure professionali nella tecnica dei macchinari e dei veicoli, nella fabbricazione e lavorazione dei metalli, nella meccatronica, nella tecnica energetica e elettronica e nel settore medico-sanitario.

Disoccupazione al minimo dal 1991

Nel mese di novembre sono stati registrati 2,633 milioni di disoccupati. Si tratta del minimo storico negli ultimi 24 anni: nel novembre 1991 si erano avuti 2,648 milioni di disoccupati. Anche a ottobre la percentuale di disoccupazione era al minimo del 6% ed è poi continuata a scendere di 16 000 unità nel mese successivo. Paragonando i dati di un anno fa vi sono 84 000 disoccupati in meno.

Per il Ministro Federale Nahles lo scopo è quello che tutti in Germania – da chi è appena arrivato a chi è stato sinora disoccupato – abbiano la possibilità di iniziare una nuova vita. Tutti devono avere l’opportunità di poter provvedere a se stessi in maniera autonoma e duratura senza aiuti statali.

A novembre scorso 4.297.000 persone, 13 000 in meno rispetto al 2014, hanno ricevuto il sussidio assegnato a chi cerca lavoro (Grundsicherung für Arbeitsuchende – SGB II). 8% delle persone in età lavorativa hanno avuto bisogno di assistenza. Di questi 1.869.000 erano disoccupati, anche qui 13 000 in meno rispetto a un anno fa.

La maggior parte di coloro che ricevonoil sussidio per la disoccupazione SGB II non è disoccupata ma impegnata almeno 15 ore settimanali in attività remunerate come accudire bambini, parenti o frequenta un corso di formazione professionale.

Fonte: http://www.italien.diplo.de