Home / Lavoro in Germania / Legge sul salario minimo in Germania dall’01 gennaio 2015

Legge sul salario minimo in Germania dall’01 gennaio 2015

A partire dall’01 gennaio 2015, ogni lavoratore in Germania ha diritto alla retribuzione di un salario minimo di 8,50 euro/h lorde da parte del datore di lavoro (legge tedesca sul salario minimo “Mindestlohngesetz – MiLoG“).
I datori di lavoro con sede all’estero ed i beneficiari di servizi in Germania, che impiegano o ingaggiano uno o più lavoratori in Germania, hanno l’obbligo di segnalare i lavoratori presso la Direzione dell’Ufficio Federale delle Finanze di Colonia (Bundesfinanzdirektion) a mezzo fax.
L’obbligo di segnalazione sussiste quando il datore di lavoro con sede all’estero o il beneficiario di servizi in Germania impiega o ingaggia uno o più lavoratori per svolgere attività nei settori regolamentati dall‘art. 2a della legge tedesca contro il lavoro nero (Schwarzarbeitsbekämpfungsgesetz – SchwarzArbG):

• Montaggio e smontaggio di fiere e mostre
• Edilizia
• Macelleria
• Selvicoltura
• Catering ed alloggiamento
• Pulizia edifici
• Trasporto passeggeri
• Giostre
• Spedizioni, trasporti e e relativa logistica

oppure nei settori regolamentati dalla legge tedesca sul distacco dei lavoratori (Arbeitnehmer-Entsendegesetz – AentG):

• Gestione dei rifiuti, tra cui pulizia delle strade e servizi invernali
• Istruzione e formazione
• Edilizia e affini
• Lavoro specializzato nell‘estrazione di carbone nelle miniere
• Servizi postali
• Parrucchieri
• Pulizia edifici
• Agricoltura, selvicoltura e orticoltura
• Assistenza infermieristica
• Macellazione e lavorazione della carne
• Servizi di sicurezza
• Servizi di lavanderia

Ulteriori informazioni ed i moduli di registrazione sono reperibili sul sito internet della Dogana tedesca in diverse lingue:

Tedesco
Inglese
Francese

Fonte: www.italien.diplo.de