Home / Vivere in Germania / Aiutare invece di pagare l’affitto

Aiutare invece di pagare l’affitto

Gli studenti hanno pochi soldi a fronte di affitti costosi; gli anziani vivono in ampi appartamenti, ma spesso sono soli.
L’idea del “Living for Help” risolve entrambi i problemi.

Nel confronto tra i due conviventi c’è una differenza di età mediamente di una cinquantina d’anni:
• la studentessa Hanna (23) è felice di avere una stanza vicino all’università;
• la pensionata Marlene (78) è felice di avere una piacevole compagnia in cambio di aiuto in casa e in giardino.

Hanna non deve pagare l’affitto, perché dà una mano.

Nelle città universitarie tedesche, gli alloggi a prezzi accessibili per gli studenti sono scarsi.
A Monaco una stanza di 30 metri quadrati costa in media 650 euro al mese.
È solo fortuna se si trova un posto nei dormitori universitari o una stanza negli appartamenti per studenti.

D’altra parte c’è un sacco di spazio utile sprecato: in Germania circa una persona su tre ha un’età superiore ai 65 anni e vive da sola perché il suo partner è morto e i figli si sono trasferiti da tempo.

 

“Living for Help” in 30 città

Cosa c’è di più ragionevole delle convivenze di giovani e vecchi?

Tali iniziative, che si sono riunite nella Federal Association of Living for Help, esistono in più di 30 città.
Gli studenti possono informarsi presso i servizi agli studenti.
Il quadro è stato ora ampliato; le famiglie, i genitori single e le persone con disabilità offrono anche camere gratuite in cambio di aiuto domestico.

Aiuto di un’ora per metro quadrato

La regola di base è che, per ogni metro quadrato di spazio vitale messo a disposizione, gli studenti forniscono un’ora di aiuto al mese.
Tuttavia non soggiornano del tutto gratuitamente, perché devono pagare piccole somme per servizi come elettricità, riscaldamento e acqua.

Il tipo di aiuto fornito dipende dalle esigenze dell’appartamento o del proprietario della casa; ad esempio potrebbe trattarsi dello shopping, delle pulizie, della cucina, dell giardinaggio o di altro lavoro manuale, o la compagnia per le passeggiate o le carte da gioco.

La cura e l’assistenza sono escluse.

I partner di condivisione definiscono insieme le attività e le impostano in un contratto.

L’alchimia deve essere giusta

In teoria va tutto bene, ma in pratica ci sono anche problemi, come in ogni comunità; qui la differenza tra le generazioni gioca anche una parte.
Non funziona senza reciproca apertura e considerazione. Pertanto i facilitatori esperti riuniscono partner adatti e li informano sulla forma del contratto.

L’esperienza dei partecipanti all’iniziativa è stata principalmente positiva; la maggior parte degli studenti e degli anziani ritiene che le partnership residenziali li stiano arricchendo.

Living for Help esiste in varie città:

• WfH Aachen
• WfH Bad Homburg und Hochtaunuskreis
• WfH Bamberg
• WfH Bonn
• WfH Braunschweig
• WfH Bremen
• WfH Deggendorf und Pfarrkirchen
• WfH Düsseldorf
• WfH Erlangen
• WfH Freiburg
• WfH Freising
• WfH Gauting
• WfH Göttingen
• WfH Hannover
• WfH Karlsruhe
• WfH Kassel
• Wfh Kiel
• Wfh Koblenz
• WfH Köln
• WfH Konstanz
• WfH Landkreis Fürstenfeldbruck
• WfH Landkreis Landsberg am Lech
• WfH Leverkusen
• WfH Marburg
• WfH München
• WfH Münster
• WfH Oldenburg
• WfH Osnabrück
• WfH Paderborn
• WfH Rostock
• WfH Stuttgart
• WfH Witzenhausen
• WfH Wuppertal
• WfH Würzburg

La presentazione di Living for Help in queste città si trova su questo sito