Home / Offerte / Trovare lo stage in Germania

Trovare lo stage in Germania

di Bernd Faas

La Germania è un paese che, dal punto di vista italiano, si presta bene per fare lo stage. I rapporti economici sono moltissimi. La Germania è il partner economico più importante per l’Italia, non solo per il turismo ma anche come mercato delle macchine utensili, i prodotti alimentari, la moda, i mobili, le automobili.

Requisiti

Requisiti

I requisiti generali riguardano lo status (studente del terzo o quarto anno delle superiori, diplomato, studente universitario, neolaureato), un curriculum di studio o di lavoro appetibile e un buon livello di conoscenza del tedesco. Più lungo è lo stage e più il bagaglio formativo del candidato è più alto, maggiore deve essere il livello linguistico, cioè: per uno stage di poche settimane come cuoco o elettricista, può bastare il livello A2; mentre lo studente di comunicazione o scienze politiche dovrebbe avere almeno il livello B2.
Infine ci sono i requisiti specifici che riguardano il posto in questione: si può trattare di competenze particolari nel web design, nella reception di un albergo, nella contabilità, nella produzione di mobili, nel project management industriale, nel diritto internazionale, ecc.
Favoriscono la candidatura: conoscenza di altre lingue (in particolare l’inglese), esperienze aziendali precedenti, esperienze interculturali, periodi di studio all’estero ed attività di impegno civile.

Periodo

Periodo

L’inizio può avvenire in ogni momento dell’anno. In molti casi le aziende preferiscono che lo stage finisca prima o inizi dopo i mesi di luglio e agosto quando, per le ferie, il personale è ridotto e possono esserci dei problemi per seguire lo stagista.
Secondo la dimensione dell’azienda possono esistere date abbastanza fisse per l’inizio dello stage. La regola è: più grande è l’azienda, più rigida è la data.
Molte opportunità riguardano l’amministrazione pubblica che pianifica secondo il ciclo scolastico e universitario, cioè spesso fa iniziare lo stagista in agosto-settembre o febbraio-marzo.
Le organizzazioni non governative (ONG) sono di solito più flessibili del mondo aziendale e istituzionale, ma anche in questo caso è consigliabile fare la domanda con grande anticipo.
La durata varia secondo lo status del candidato. Se durante la frequenza scolastica gli stage durano di solito 2-3 settimane, dopo si va prevalentemente dai tre ai sei mesi.

Borse di studio e compenso

Borse di studio e compenso

Il programma “ErasmusPlus” dell’Unione Europea, destinato a chi frequenta un percorso formativo oppure lo ha concluso da non più di un anno, mette a disposizione migliaia di borse di studio. Gli enti attuatori in Italia sono scuole, università, aziende e associazioni non profit (www.erasmusplus.it).
Ci sono inoltre vari programmi italiani, con e senza borsa di studio, che prevedono una permanenza formativa in Germania. Tra questi ci sono, a livello regionale, i work experience inerenti al Fondo Sociale Europeo, i programmi delle fondazioni bancarie e delle camere di commercio italiane all’estero (www.assocamereestero.it) e le opportunità offerte dai programmi universitari del MUIR.
In molti casi l’azienda tedesca prevede un compenso (sia nel caso che lo stagista disponga di una borsa sia che non ne disponga). Questo vale per le aziende medio-grandi ma anche per le aziende artigiane. La legge sul salario minimo prevede che lo stagista venga retribuito con 8,50 Euro lorde all’ora se la durata superi i 3 mesi. Nel caso di un minorenne, di uno stage obbligatorio per il percorso di studio oppure con durata fino a 3 mesi, l’azienda non è obbligata a pagare una retribuzione.

Contratto

Contratto

In Germania lo stage si definisce con trattativa diretta tra candidato e azienda. Prima di iniziare entrambe le parti firmano un contratto nel quale vengono stabiliti diritti e doveri reciproci. Oltre alla durata e all’orario, ci sono le cause di recessione (per esempio: la non adeguatezza dello stagista) e le eventuali forme di compenso. Ogni contratto contiene una clausola sulla riservatezza che impegna lo stagista a non divulgare quanto gli accade di sapere durante lo stage. Viene anche chiaramente affermato che lo stage non costituisce un rapporto di lavoro, ma corrisponde ad un periodo formativo in azienda. Viene indicata la polizza assicurativa (Berufsgenossenschaft) in caso di incidente sul lavoro, che l’azienda stipula per lo stagista.

Assicurazioni

Assicurazioni

Allo stagista si consiglia di stipulare almeno un’assicurazione di responsabilità civile che lo copra all’estero fuori dall’azienda, nel caso provochi danni (per esempio in casa). Con la tessera sanitaria europea ha diritto ad accedere, in caso di necessità, al servizio sanitario tedesco secondo le condizioni dei residenti. Chi vuole avere una maggiore tutela in caso di malattia e incidente, può stipulare un’assicurazione privata 24 ore su 24.

Dichiarazione di soggiorno

Dichiarazione di soggiorno

I cittadini comunitari non hanno bisogno di un visto di soggiorno. Devono essere soltanto in possesso di un documento valido (carta d’identità o passaporto) e registrarsi con l’abitazione all’anagrafe (Einwohnermeldeamt) se la permanenza è superiore ai 3 mesi. Se lo stage è retribuito, serve il codice fiscale (Lohnsteuerkarte); per riceverlo occorre fare la dichiarazione di soggiorno.

Candidatura

Candidatura

Chi cerca lo stage, dovrebbe all’inizio definire in modo dettagliato i propri obiettivi in termini di settore, tipo di azienda e genere di mansione. Il passo successivo è quello di informarsi bene sull’azienda, le sue dimensioni, le attività, il tipo di stage offerto e possibilmente anche il nome del responsabile del personale. Con tutte queste informazioni si può inviare una domanda che prende in considerazione le peculiarità dell’azienda in questione, aumentando così le probabilità che la domanda venga esaminata con attenzione. Una domanda “informata” è necessaria in tempi come quelli odierni, quando anche per i tedeschi lo stage è il primo passo per trovare lavoro.
Sempre più spesso si fa la candidatura solo online. Sulle pagine Internet dedicate allo stage molte aziende hanno un modulo standardizzato di candidatura che aiuta sia il candidato nella fase di compilazione sia il reclutatore nella fase di selezione.  Molte organizzazioni accettano la domanda tramite l’email. Per la selezione di solito non è sufficiente il curriculum vitae. Molta attenzione viene data alla motivazione del candidato, espressa nella lettera di accompagnamento. È qui che si deve emergere dalla massa dei concorrenti, evidenziando la propria adeguatezza per la mansione richiesta.

Strade della ricerca

Strade della ricerca

Per trovare tutte le necessarie informazioni e arrivare alle offerte concrete si possono percorrere varie strade.


1. Portali di stage e lavoro su internet

Ci sono portali che prevedono la ricerca per indirizzo di studio, città, settore e durata.
Per vedere tutta la descrizione a volte è necessario registrarsi gratuitamente. Alcuni siti prevedono la possibilità di fare l’upload del proprio CV per farsi trovare dalle aziende. Ci sono dei portali che riportano anche oltre 10.000 offerte di stage.

www.unicum.de

www.jobstairs.de

www.e-fellows.net

www.prabo.de

www.praktikum.de

www.praktikum-online.de

www.praktikum.com

www.karriere.de

www.praktikanten.net
Esperienze di stage in tedesco.


2. Siti aziendali

Le medie e grandi aziende, ma anche gli enti pubblici, hanno sempre sul proprio sito una sezione dedicata alle offerte in corso di stage con la possibilità di invio diretto della domanda via email. Quelle piccole raramente fanno cenno allo stage; ciò, però, non esclude che lo offrano.
Se non si conosce esattamente l’indirizzo del sito aziendale, si usano i motori di ricerca per individuare le aziende del settore cercato, inserendo per esempio nome, sede e settore d’attività.


3. Associazioni studentesche

Esistono molte associazioni studentesche italiane che hanno rapporti internazionali, e perciò anche con la Germania, tramite la rispettiva associazione tedesca. Spesso sono in grado di fornire informazioni utili sugli stage presso le aziende straniere o prevedono addirittura programmi consolidati di stage.

www.elsaitalia.it
www.elsa-germany.org
Giurisprudenza

www.aiesec.it
www.aiesec.de
Economia e commercio

www.iaeste.org
www.iaeste.de
Materie tecniche

www.best.eu.org
Materie tecnologiche

www.sism.org
www.emsa-germany.de
Medicina

www.iaas.it
www.iaasworld.org
Agraria

www.prime-italy.org
Relazioni pubbliche


4. Fiere del lavoro

Le fiere del lavoro sono degli eventi che mettono in contatto diretto allievi, diplomati, studenti e laureati con le imprese e il mondo del lavoro e si ripetono in decine di modi diversi in tutta la Germania. I datori di lavoro sono presenti con propri stand, attraverso i quali informano sulle opportunità di stage e carriera professionale. Si può passare da semplici prese di contatto con candidati che hanno un profilo potenzialmente interessante per l’azienda, a veri e propri colloqui con conseguente selezione. Le camere di commercio (Industrie- und Handelskammer) e dell’artigianato (Handwerkskammer) organizzano delle fiere del lavoro dove le aziende locali si presentano come luogo di apprendistato, stage e lavoro.

www.jobmessen.de
Tutte l’anno in varie città, per tutte le professioni e i livelli lavorativi.

www.connecticum.de
Metà maggio, per studenti, neolaureati e young professional

www.iqb.de
Tutto l’anno per economia, giurisprudenza e ingegneria

www.ingegnieurkarriere.de
Tutto l’anno in varie città per ingegneria

www.absolventenkongress.de
La più grande fiera in Germania per studenti, neolaureati e young professional

www.access.de
Finanza, IT, Automotive, Sales, Consulting


5. Associazioni e ordini

Molte professioni in Germania sono rappresentate da ordini o associazioni professionali che tutelano l’esercizio della professione. Possono anche essere una fonte d’informazione per la ricerca dello stage o del lavoro, perché pubblicano spesso un giornale associativo con annunci di lavoro, tengono una banca dati delle candidature e fanno orientamento professionale.

www.dbfk.de
Professioni della cura e dell’assistenza agli anziani

www.baumeister-online.de
Ingegneri civili e architetti

www.bundesarchitektenkammer.de
Architetti

www.vdi.de
Ingegneri

www.vde.de
Verband Deutscher Elektrotechniker e.V. VDE.

www.hausarzt-bda.de
Medici di base

www.vsr-online.de
Professionisti del settore alberghiero

www.bauernverband.de
Coldiretti


6. Networking

Una ricerca attiva comincia a casa sfruttando tutti i contatti esistenti. Conoscenti, parenti, amici che vivono in Germania o che hanno collegamenti con quel Paese, sono spesso di valore inestimabile.  Anche le aziende di casa, che potrebbero avere dei contatti preferenziali con un’azienda in Germania, e il Comune di residenza, se ha in atto un gemellaggio con un comune tedesco, possono aprire la porta al collocamento.
Networking sono anche i siti degli italiani sbarcati negli ultimi anni nelle grandi città tedesche. Su questi siti si trovano informazioni utili per trovare l’alloggio, per avere consigli da persone esperte, per sapere dove s’incontrano gli italiani sul posto:

www.italianiaberlino.it

www.italianiamonaco.com

www.italiansonline.net

Networking si fa anche su www.facebook.com e sui business network di www.Xing.de e www.Linkedin.com, che permettono di entrare in contatto con gruppi di italiani sul posto, studenti dello stesso indirizzo, professionisti con un percorso simile al proprio.