Home / Lavoro in Germania / Professioni “top” nei prossimi anni

Professioni “top” nei prossimi anni

di Bernd Faas

La Germania sarà, tra i grandi paesi europei, quello che offrirà le opportunità più interessanti nel prossimo decennio.

Avendo un’economia dove un posto di lavoro su quattro dipende dall’export, le serviranno in particolare i profili tecnici. Ma per formarli servono anche gli insegnanti e i docenti tecnici. E nei vari uffici, dai commerciali agli amministrativi, per gestire gli ordini di un economia globale trovano posto le persone in possesso di lingue straniere.

Ecco qui un elenco, per niente esauriente, di 10 professioni con un grande futuro in terra tedesca.

Ingegnere per tecnologia energetica e civile

Dalle università usciranno nei prossimi anni meno di 5.000 ingegneri civili mentre un terzo degli ingegneri attualmente attivi hanno più di 50 anni. I campi d’impiego riguardano in particolare i settori collegati con il risparmio energetico, come il riscaldamento e il condizionamento, nonché l’erogazione del gas e dell’acqua.

Insegnante per scienze naturali e matematica

L’età media degli insegnanti di queste materie è particolarmente alta; ciò comporta il pensionamento di molti di loro nei prossimi dieci anni. L’università non sarà in grado di formarne un numero sufficiente per la sostituzione. Contemporaneamente la scuola tedesca si trasforma a tempo pieno, il che comporta la richiesta di ulteriori insegnanti.

Tecnico sicurezza IT

La sicurezza dei dati privati, aziendali ed istituzionali richiede un’attenzione sempre crescente. Intercettazioni di segreti aziendali, furti sui conti correnti, violazioni della privacy dei singoli si traducono in danni enormi e nei prossimi anni porteranno all’assunzione di un alto numero di specialisti che quotidianamente combatteranno l’intrusione e il cattivo uso delle reti virtuali. Oltre che attraverso gli studi universitari, molti specialisti accedono al mestiere in modo autonomo oppure tramite un apprendistato da 2 a 3 anni.

Progettista di software

Questo è da anni tra i mestieri più richiesti, ma nonostante ciò le iscrizioni all’università diminuiscono. Per crescere molte aziende hanno bisogno di software personalizzati, ma in giro ci sono assai pochi esperti in grado di pianificare, progettare e presentare gli strumenti adatti.

Matematici economisti

La crisi economica ha dimostrato che la valutazione dei rischi e delle opportunità negli investimenti è di importanza capitale. Le assicurazioni e le banche in particolare hanno bisogno di matematici con competenze economiche, per esempio per il calcolo dei prodotti pensionistici.

Ingegnere gestionale

Le aziende hanno sempre bisogno di ingegneri che coniughino le capacità tecniche con quelle commerciali. Sviluppo del prodotto, marketing, vendita tecnica, disponibilità a viaggiare e conoscenza di lingue straniere li caratterizzano. Delocalizzazioni e contatti con clienti li vedono in prima fila.

Ingegnere e tecnico meccatronico

C’è sempre più elettronica nelle macchine: di conseguenza serve una figura trasversale tra meccanico e elettronico. In pratica deve essere in grado di manovrare il cacciavite e saldare ma anche di installare componenti per computer e di programmare. Aumenta la richiesta sia di personale proveniente dalla formazione professionale, sia di ingegneri di Systems Engineering oppure Mechatronics.

Tecnici e tecnologi alimentari

Il controllo degli alimenti va acquistando importanza crescente in un mondo dove le allergie e il diabete dilagano e dove la richiesta di cibi sani, in particolare biologici, cresce senza freno.  A livello universitario sono possibili le specializzazioni p.e. per tecnica della birra, del latte, delle bevande in generale. Oltre che sulle competenze di meccanica gli studi sono concentranti su conoscenze di fisica, chimica e microbiologia. I tecnici provenienti dalla formazione professionale, invece, lavorano nella produzione, nel controllo di qualità e nella logistica.

Infermiere per anziani e manager di cura

La popolazione sta invecchiando senza sosta e nel 2035 raggiungerà il 30% circa dei tedeschi: un “garanzia” di trovare sempre lavoro con una specializzazione nell’ambito delle cure. L’infermiere, disponendo di empatia e resistenza allo stress, facilita la vita quotidiana della persona anziana e la cura. Dall’università invece proviene il manager di ospedali e case di cura che si occupa dell’amministrazione e del coordinamento. Sono responsabili dei conti e del controllo del servizio e collaborano con la mutua.

Medico generico e dentista

Già oggi, in particolare nelle zone rurali, si riscontra una significativa carenza di profili medici. Una situazione che nei prossimi 10 anni si farà ancora più grave su tutto il territorio tedesco. Dall’università non uscirà un numero sufficiente di nuove leve per sostituire i medici che andranno in pensione. Per di più l’invecchiamento della popolazione e la conseguente necessità di cure richiederà molti più medici di oggi.


Siti per la ricerca del lavoro:

www.arbeitsagentur.de
www.adecco.de
www.manpower.de
www.jobstairs.de
www.jobscout24.de
www.stepstone.de