Home / Archivio / È già primavera sul mercato del lavoro tedesco

È già primavera sul mercato del lavoro tedesco

Nel gennaio 2014, rispetto ad un anno prima, in Germania circa 300 000 persone in più avevano un’occupazione, per un totale di 41,68 milioni, e nel contempo sono più positive anche le prospettive per i disoccupati.

Nel primo trimestre 2014 la situazione delle aziende è nettamente migliorata e le aspettative congiunturali sono aumentate. Questo fa si che le imprese siano in grado di creare continuamente nuovi posti di lavoro. Quasi tutti i Bundesländer registrano più occupati dell’anno precedente e il più consistente aumento occupazionale si è registrato nel settore dei servizi economici e in quello socio-sanitario.

Senza considerare gli influssi stazionali a gennaio 2014 vi sono stati 40 000 occupati in più rispetto a solo un mese prima. Il Ministro federale del Lavoro, Sig.ra Andrea Nahles, ha sottolineato che la Germania si sta avviando verso una buona primavera e che le prospettive degli sviluppi economici fanno sperare che anche il mercato del lavoro prosegua su questa strada positiva.
Secondo i dati dell’Agenzia Federale per il Lavoro lo scorso dicembre vi erano 29,61 milioni di persone soggette all’assicurazione sociale obbligatoria, il che significa un aumento di 463.000 unità (+1,6 %) rispetto al 2013.

Nel mese di febbraio vi sono stati 2 000 disoccupati in più rispetto a gennaio, ma rispetto a un anno prima sono stati 18 000 in meno. L’aumento della disoccupazione è stato, pertanto, più contenuto a confronto con gli ultimi anni attestandosi a 3,138 milioni di unità. Il tasso di disoccupazione è rimasto stabile al 7,3%, diminuendo dello 0,1% rispetto all’anno precedente.

La situazione dei disoccupati da lungo termine rimane, invece, particolarmente critica per quanto riguarda la ricerca di offerte occupazionali. Il Ministro Nahles ha dichiarato che l’impegno futuro è che anche queste persone, che stanno cercando invano da molto tempo un posto di lavoro, trovino una simile prospettiva. A febbraio in questa categoria si sono contate 7 000 persone in meno rispetto a gennaio ma la quota di circa 1 milione è pur sempre troppo elevata.

Nei mesi scorsi le offerte di lavoro sono leggermente aumentate in Germania. A febbraio all’Agenzia Federale per il lavoro ne sono arrivate 429.000 riguardanti in particolar modo i settori dellavendita, meccatronica, energia e elettricità, l’industria metallurgica, meccanica ed automobilistica, i trasporti, la logistica, turismo e gastronomia, nonché le professioni socio-sanitarie.

(Fonte: www.rom.diplo.de)