Home / Professioni in Germania / Boom sul mercato del lavoro tedesco

Boom sul mercato del lavoro tedesco

Dalla riunificazione tedesca ad oggi il mercato del lavoro in Germania non aveva più avuto tassi di occupazione così alti: l’Ufficio Federale di Statistica ha annunciato che, nel 2016 nella Repubblica Federale, la media nazionale è stata pari a 43,5 milioni di occupati, vale a dire 1 punto di percentuale in più (429 000 unità) rispetto al 2015.

Il numero degli occupati in Germania, secondo i dati dell’Ufficio di Statistica, a distanza di un anno è aumentato di 425 000 persone (+1%) per un totale di 43,4 milioni di unità.

Il numero dei lavoratori autonomi è sceso di 28 000 unità sino a 4,3 milioni di persone, mentre tra i lavoratori con residenza in Germania vi è stato un aumento pari a 453 000 unità per un totale di 39,1 milione. Un incremento è stato registrato anche tra i lavoratori con obbligo di contribuzione sociale mentre, seguendo il trend degli anni passati, è ulteriormente diminuito il numero dei minijob.

Si conferma pertanto la continua crescita dell’occupazione in corso da più di 10 anni ma quella registrata nel 2016, secondo i dati dell’Ufficio Federale di Statistica, risulta essere ancora più consistente di quella dell’anno precedente: nel 2015 il numero dei lavoratori con residenza in Germania era cresciuto dello 0,9% (+377 000).

Nel 2016 si sono venuti a creare nuovi posti di lavoro soprattutto nel terziario (+426 000) e in particolar modo nel settore dell’educazione e della salute (+200 000). Anche nel commercio e nella ristorazione (+105 000) la situazione è stata particolarmente rosea. Nell’industria (esclusa l’edilizia) il numero degli occupati è rimasto invece invariato come nel 2015. Se ne sono invece contati di meno nel 2016 nel settore agricolo, forestale e ittico (-17 000).

Il mercato del lavoro tedesco, grazie alla congiuntura stabiile, è da mesi in ottima forma.

I dati più recenti dell’Agenzia Federale per il Lavoro, dello scorso novembre, indicavano anche un minimo storico dei disoccupati dichiarati: 2,532 milioni di uomini e donne – un record degli ultimi 25 anni.

La percentuale dei disoccupati è scesa al 5,7% e secondo gli economisti il numero degli occupati aumenterà nel 2017 tra 300 000 e 400 000. Potrebbe, però, verificarsi altrettanto un aumento della disoccupazione visto il numero crescente di migranti in cerca di lavoro.

Wiesbaden (dpa) – 2 gennaio 2017

Fonte: http://www.italien.diplo.de